Calcio Fere
Sito appartenente al Network
Cerca
Close this search box.

Fano-Ternana, De Canio: “Nessun rilassamento dopo Monza, domani pochi cambiamenti”

Il tecnico rossoverde parla alla vigilia della trasferta marchigiana: “Domani troveremo un avversario aggressivo”

Dopo la vittoria a Monza domenica scorsa, la Ternana si riproietta sul campionato. Domani infatti le Fere giocheranno a Fano, per recuperare la seconda giornata. Alla vigilia del match Gigi De Canio ha parlato in conferenza stampa:

PERICOLO CONCENTRAZIONE. “Squadra rilassata dopo Monza? Sono abituato a guardare subito avanti, l’obiettivo non è nell’immediato ma è abbastanza lontano. Si può correre questo rischio di aver un rilassamento, ma solo all’inizio. Già da ieri pomeriggio siamo concentrati sulla difficoltà di questa gara. A mio avviso sono maggiori di Monza”

L’AVVERSARIO. “Il Fano ha le caratteristiche di una squadra di Serie C: grande aggressività e carica agonistica, buona tecnica ed organizzazione. Si difendono in modo compatto e poi ripartono con molti uomini. Sarà una gara diversa rispetto a quella del Brianteo, sarà meno tecnica e più agonistica. Dobbiamo avere la massima attenzione. Quando l’avversario ti aggredisce dobbiamo girare la palla più velocemente possibile ed eludere il pressing con passaggi veloci e non fare passaggetti orizzontali. Ce la giocheremo mantenendo i ritmi alti”.

DE CANIO L’EQUILIBRISTA. Il tecnico di Matera cerca di smorzare facili entusiasmi: “Sono una persona misurata e con una buona esperienza. Le tappe di avvicinamento sono importanti, le vittorie danno morale, ma sono equilibrato. Difficilmente mi esalto dopo una vittoria o mi deprimo dopo una sconfitta, ci vuole equilibrio della squadra

NEW ENTRY. Domenica al Brianteo hanno fatto molto bene anche i subentrati nel secondo tempo: “Frediani e Giraudo? Si allenano tutti per giocare, ho fiducia in questi ragazzi perchè so che sono dei professionisti e con quualità morali e professionali altissime“.

FORMAZIONE ANTI-FANO. “Le condizioni di Hristov? Ha l’influenza e non è convocato, dispiace. Bergamelli ha avuto un piccolo problema in allenamento, è da valutare.
Cambi per domani? Non ve ne aspettate molti, anche domenica volevo fare delle sostituzioni ma poi ho invertito l’ordine. Devo dosare le forze di alcuni giocatori come Defendi, che aveva i crapi la scorsa partita e si era allenato poco la settimana scorsa. Non voglio rischiare nessuno a centrocampo

DUBBI IN ATTACCO.Devo valutare bene tutti, anche in attacco ho molte alternative. Marilungo punto fermo? Non lo so, abbiamo molte partite e tutto il reparto è di alto livello. Butic? E’ una soluzione a cui sto pensando, è un giocatore di valore e voglio tenere tutti sulla corda

SQUADRA IN CRESCITA. “Nella partita di Monza abbiamo esaltato le nostre caratteristiche, il campo è largo e abbiamo attaccato subito. Abbiamo commesso anche alcuni errori in fase difensiva, ma in generale ci è stata una prestazione superiore rispetto alle altre partite. Domenica nei primi 10 minuti abbiamo liberato tre volte un nostro giocatore davanti alla porta, tramite schemi provati in allenamenti. Alcuni meccanismi hanno bisogno di molto tempo per essere automatici, non bastano alcuni mesi. Nel tempo saremo una squadra migliore di quello che siamo ora. Registriamo questi segnali di crescita, questi ragazzi sono già una squadra dal punto di vista morale, dìda quello tencico lo stanno diventando

INFORTUNATI ANCORA AI BOX. “Gli infortunati? Non ci sono novità. La spalla di Altobelli deve rinforzarsi e consolidarsi, gli infortuni muscolari di Vives e Rivas sono ancora in via di guarigione. Onestamente gli infortuni non sono stati gestiti al meglio dal punto di vista medico, ma sono cose che accadono. Vives ha fatto gli esami, non è facile individuare il suo problema, sembrava più semplice risolverlo, è stata sbagliata la valutazione, anche nel dialogo tra di noi, su quello che necessità la riabilitazione. Il giocatore ci ha detto che stava bene, ma in realtà il problema non era risolto. Dobbiamo migliorare anche nella conoscenze di come reagiscono i calciatori”

Callegari? Ha fatto un’ottima partita, ma ha commesso anche alcuni errori gravi in mezzo al campo. E’ un grande ragazzo, ma deve crescere nella personalità. E’ alle prime esperienze professionistiche, sta facendo bene

LE SORPRESE. “Il primo posto della Fermana? Un pò mi sorprende, si pensava ad altre squadre per il ruolo di protagonista. La Fermana è una sorpresa, così come l’Imolese che ha dimostrato di essere una buonissima squadra”
Chi mi ha sorpreso di più finora dei miei giocatori? Petko Hristov, sicuramente. E’ andato in Nazionale ed ha perso il posto, altrimenti difficilmente lo avrebbe perso”

 

 

Subscribe
Notificami
guest

1 Commento
Inline Feedbacks
View all comments
trackback

[…] Oggi  in conferenza stampa il tecnico ha precisato: “La spalla di Altobelli deve rinforzarsi e consolidarsi, gli infortuni muscolari di Vives e Rivas sono ancora in via di guarigione”. Poi però si èlasciato andare ad una affermazione che ha suscitato qualche mormorio: “Onestamente gli infortuni non sono stati gestiti al meglio dal punto di vista medico, non siamo stati ineccepibili., ma sono cose che rientrano nella normalità in un ambiente che cerca di crescere”. […]

Articoli correlati

Squadra al lavoro all'antistadio Taddei, la situazione nel report ufficiale....
L'incredibile stagione del calciatore pisano. che per ben 5 volte si è visto annullare gol...
Rossoverdi a caccia del bis dopo aver sfatato un incantesimo che durava 18 anni: la...

Altre notizie

Calcio Fere