Resta in contatto
Sito appartenente al Network

News

Fere, serie C e cambiamento, Gravina: “Dimenticati i tifosi”

Il presidente della Lega Pro parla a ‘C Piace’ su San Marino RTV: “La gente chiede il perchè di tutto questo, abbiamo il dovere di spiegarglielo”

Torna a parlare il presidente della Lega Pro Gabriele Gravina e lo fa in occasione della prima puntata di “C Piace”, il programma di approfondimento sulla serie C in onda su San Marino RTV, l’emittente di Stato della Repubblica di San Marino, che segue il campionato per la presenza di tre squadre emiliano-romagnole.

ROSSOVERDI E ROMAGNOLI. Di Ternana si è parlato in apertura del programma, con il conduttore Lorenzo Giardi e gli ospiti in studio Massimo Boccucci, direttore di Infopress e Francesco Scotti, portiere del Rimini, che hanno fatto riferimento al match fra rossoverdi e romagnoli saltato al primo turno, ma il clou è stata appunto l’intervista col numero uno di Lega Gabriele Gravina.

MEA CULPA. Gravina fa ‘mea culpa’: “Sono stati commessi diversi errori che ci hanno portato fino a qui – dice – fra cui anche quello, del quale mi assumo la responsabilità, del mio ‘no’ ad un accordo proposto dal presidente della Lega Dilettanti che ha generato la situazione attuale“. Il riferimento è alla mancata elezione di Tommasi a presidente Figc e al successivo commissarimento: “La gestione dei campionati evidenzia criticità molto forti in un mondo che avrebbe bisogno invece di serenità: la madre di tutte le criticità è lo strappo che si è consumato adottando un provvedimento che modifica le nome alle 20.30 di sera, cinque minuti prima di varare il calendario di serie B“.

RIVOLUZIONE. Le grandi manovre in vista dell’assemblea del 22 ottobre che dovrebbe sbloccare l’elezione del presidente Figc vanno intanto avanti: “Giovedì incontrerò il presidente della Lega di serie A Gaetano Miccichè: ci confronteremo sulla piattaforma programmatica, poi ognuno sceglierà la strada che ritiene più opportuna. Ci dicono che siamo ribelli? Lo siamo, orgogliosamente e andiamo avanti su una strada di rivoluzione non più rinviabile. Chi vuole aderire è bene accetto“.

TIFOSI PENALIZZATI. Poi la stoccata: “Tutto quello che è successo è una mancanza di rispetto verso chi ha soltanto subito, ovvero il calcio italiano, ovvero i calciatori, gli allenatori, i presidenti ma soprattutto – qualcuno sembra lo dimentichi – i tifosi, che non capiscono e sono disorientati. Si chiedono il perchè di tutto questo e noi abbiamo il dovere di spiegarglielo. Li abbiamo delusi, si stanno allontanando“.

SOSTENIBILITA’.L’ultima stilettata, senza nominarlo, è per il presidente della Lega B Mauro Balata: “C’è chi parla di sostenibilità, ma questa non è soltanto più soldi. Sostenibilità è anche lavoro sulle strutture, attenzione al controllo dei costi e tanto altro“.

 

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

Toto-allenatore: chi vorreste sulla panchina delle Fere per il dopo-Lucarelli? Votate il sondaggio

Ultimo commento: "Andreazzoli forse è il meglio anche se nel calcio tutto è relativo"

Viciani trionfa ancora, sua la ‘Supercoppa delle Fere’!

Ultimo commento: "Mi erano sfuggite le fasi precedenti per la formazione di questa ideale classifica...ma condivido ampiamente l'esito finale ... quella del Maestro..."

‘Supercoppa delle Fere’: Lucarelli, che colpo! Ora contende il trofeo a Viciani

Ultimo commento: "Non c'è storia....per la qualità dei giocatori per le disponibilità economiche della società di allora Viciani ha fatto quello che fece Nostro..."

Ternana, quale allenatore per la stagione 2022-2023?

Ultimo commento: "Ultime parole famose...."
Advertisement

I Miti rossoverdi

IN ROSSOVERDE L'ANNATA MIGLIORE DI "CICCIO"

Corrado Grabbi

IL NOSTALGICO CENTRAVANTI DIVENTATO IDOLO DI TERNI

Massimo Borgobello

L'ATTACCANTE DI BORGO RIVO, IL "BOMBER CON LA SCIARPA AL COLLO"

Riccardo Zampagna

Altro da News