Resta in contatto

News

Serie B a 19, Lega soddisfatta ma le società protestano: “Non si evitano fallimenti”

Ingresso Lega Serie B

Il presidente Balata: “Tutelati gli interessi dei club”. Ranucci risponde: “Ci saranno meno soldi, impossibile”.  Il Siena annuncia azioni legali, la Pro Vercelli attraverso il presidente Secondo dice che impugnerà la decisione

Polemica aperta fra la Lega di serie B e la Ternana dopo il varo del campionato a 19 squadre. In una nota ufficiale, il presidente della Lega Balata   si dice soddisfatto per la scelta fatta: “In questo modo – spiega – vengono garantiti oltre all’interesse generale sul regolare svolgimento del Campionato cadetto, altrimenti irrimediabilmente a rischio, anche le esigenze tecniche della competizione e quelle di sostenibilità economica. Il Commissario ha superato gli interessi di parte per il bene della categoria e dell’intero sistema, per il quale la riflessione sulla riduzione degli organici è stata riconosciuta da tutte le componenti a parole e mai applicata nei fatti. La sua decisione percorre quella direzione auspicata e ripetuta da tempo nel dare un segnale forte e concreto al moltiplicarsi di fallimenti che colpiscono e feriscono intere comunità sportive, oltre al progressivo calo tecnico delle competizioni che inevitabilmente ha coinvolto anche le categorie superiori e la Nazionale“.

RANUCCI FURIOSO Sul fronte rossoverde, Il presidente Ranucci e il patron Bandecchi sono sulla stessa linea: “Come si possono lodare – dice Ranucci i comportamenti di alcune società, biasimando gli altri. Abbiamo l’impressione che non si conosca l’economia né tantomeno la finanza. Come si può sostenere che con la serie B a 19 non ci saranno fallimenti. Le società che non sono riuscite ad iscriversi se avessero avuto una quota in più sarebbero fallite ugualmente. Non è una tesi francamente accettabile. Da tempo si parla in Lega B di uno sviluppo del marketing, della raccolta pubblicitaria, dell’appeal del prodotto. Sono queste le leve che il nostro movimento deve avere per aumentare i proventi. Non certo la riduzione dell’organico: allora tanto vale ridurre il numero a 10. L’economia si sviluppa se i soldi vengono investiti, non se vengono risparmiati. È un concetto basilare e mi sorprende che Balata abbia invece voluto fare questo ragionamento. Ribadisco un concetto: la divisione del totale per 19 non basta per evitare di ricadere in situazioni critiche, come successo in passato, se poi ci aggiungiamo che ci sono 3 incassi per ogni squadra in meno  e che non ci saranno in cassa i soldi necessari per la richiesta di ripescaggio gli incassi diminuiscono ancora di più. Quindi questa logica non può sta in piedi. Anche perché – aggiunge il presidente – in questo modo Balata ha escluso dalla serie B tre società certamente sane con degli imprenditori seri e solidi economicamente. Mi sembra un doppio errore

SIENA E PRO VERCELLI. Anche le altre squadre penalizzate annunciano la rivolta. Il Siena, in una nota dice che: “A seguito dei sorprendenti avvenimenti verificatisi questa sera, relativi alla redazione del campionato di serie B e al mutamento di normative vigenti, Robur Siena S.p.A., preannunciando che si tutelerà in tutte le sedi opportune“.

Il presidente della Pro Vercelli Massimo Secondo ha parlato a Tuttomercatoweb: “Abbiamo preso atto – dice – dei comunicati del presidente Lotito e adesso procederemo alle impugnative nelle sedi opportune: che non ci siano persone preposte ma si proceda comunque a cambiare regolamenti che danno noia a chi muove i fili delle marionette è più da Repubblica delle banane che da paese civile. E’ stato strano il cambio di idea rispetto al 3 agosto, può darsi che Lotito non avesse visto quel comunicato. Mi auguro solo che adesso non esca un comunicato dove viene posto il sequestro di assegni e fidejussioni versati da chi aveva proceduto al ripescaggio. A parte le battute, io mi associo ai colleghi che hanno chiesto l’intervento del Governo, quanto visto è incommentabile e indegno, venuto fuori da riunioni a cui hanno preso parte personaggi che non fanno parte delle istituzioni sportive. Ovviamente se dico bugie basta far ciò che si fa in questi casi, ma io sto dicendo la verità: se pochi la dicono perché non hanno coraggio è un altro discorso”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement
Advertisement

Altre notizie dalla città

Powered by Good Morning News
Advertisement

Altro da News